Facebook

VIOLENZA SUGLI ANZIANI

La violenza è un tema che oggi è ancora molto caldo all’interno della nostra società perché purtroppo è tuttora abbondantemente diffusa tra le persone. Gli individui maggiormente colpiti sono le donne e gli anziani. Per questo motivo sono state istituite 2 giornate internazionali contro la violenza. Ogni anno il 25 Novembre e il 15 Giugno ricordiamo quanto la violenza rechi dolore e sofferenza nella quotidianità di molte persone. 

La violenza sugli anziani può essere attuata in vari modi e in differenti luoghi, come ad esempio le case di riposo, gli ospedali oppure le loro abitazioni.

Che cos’è la violenza e come si viene a manifestare?

Si può parlare di violenza nel momento in cui si svolge un’azione, intenzionale o meno, che con alta probabilità porterà a gravi danni fisici o psichici. Quando parliamo di violenza sull’anziano non ci riferiamo soltanto alla violenza fisica ma anche ad atti come l’indifferenza, le offese, le umiliazioni, la trascuratezza, la somministrazione di dosi eccessive di farmaci o la sottrazione di beni economici.

È possibile riscontrare 5 forme di violenza:

  • Violenza psicologica: una delle forme di violenza che accade più spesso ma che è anche la più difficilmente riconoscibile. Si manifesta, ad esempio, attraverso minacce, rimproveri o umiliazione;
  • Violenza strutturale: non è una violenza esercitata solo da una persona ma da un insieme di rapporti squilibrati. Si può manifestare attraverso divieti.
  • Violenza fisica: si manifesta con atti violenti come, ad esempio, calci e strattoni, con la somministrazione di sedativi non necessari, con l’utilizzo di strumenti di contenzione non indispensabili, come l’utilizzo delle cinghie per legare il paziente al letto. In questo caso le tracce della violenza sono riconoscibili attraverso la presenza di ematomi e segni sulla pelle.
  • Violenza sessuale: indica qualsiasi azione che viene applicata senza consenso.
  • Violenza economica: qualsiasi azione che riguardi il denaro. Si attua violenza economica nei confronti di un anziano sia quando gli si sottrae denaro sia quando gli si nega deliberatamente ed in maniera impropria l’utilizzo dei propri mezzi finanziari.  

 

CAUSE DELLA VIOLENZA SUGLI ANZIANI

Ma cosa può spingere una persona a praticare violenza su un anziano? Per quanto sia deprecabile e ingiustificabile ogni atteggiamento di maltrattamento verso qualsiasi persona, sono state riscontrate delle caratteristiche comuni negli episodi di violenza sulle persone anziane. Interpellati, infatti, gli individui che, nell’occuparsi di una persona fragile, si sono macchiati di questo crimine hanno tentato di giustificarsi adducendo motivazioni quali il poco tempo a disposizione, le situazioni di stress, le cattive condizioni di lavoro, il ristretto spazio abitativo, l’isolamento sociale, la demenza, le malattie psichiche e le patologie da dipendenza del paziente e molto altro.

VIOLENZA ANZIANI: come riconoscere la violenza

È possibile accorgersi se qualcuno è vittima di violenza?

Molte volte è facile riconoscere la violenza in quanto si manifesta con sintomi molto evidenti, ad esempio sulla pelle, ma esistono altrettanti casi in cui i sintomi di violenza non sono molto visibili. Per questo è bene conoscere quali possono essere alcuni segnali che la persona soggetta ad abusi e violenze mostra involontariamente:

Continuo stato di timore e paura

  • Disidratazione, perdita di peso e debolezza fisica
  • Igiene inadeguata
  • Disturbi del sonno
  • Indifferenza

 

 

 

 

 

 

 

Facebookmail

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *