• torino 3 Assistenza Ospedaliera
  • Assistenti privati
  • Anziani felici insieme
  • Invecchiare felicemente
Facebookgoogle_plus

Weightless-696x398

Ippocrate ne ha parlato nel IV secolo aC; citata poi da Sigmund Freud nel 1926 e da Søren Kierkegaard negli anni ’60, l’ansia non è una sensazione nuova, anzi nei tempi moderni è in notevole aumento, soprattutto fra i più giovani.

Ormai le tecniche per combatterla (o almeno cercare di) sono innumerevoli: dalle medicine, alla terapia cognitiva, fino ad arrivare alla meditazione e allo yoga.

Ricerche dal Regno Unito, sostengono che la generazione Y  (nati negli anni ’80 e ’90) sia l’epoca della disperazione. Sembrerebbe che per questi giovani crescere sia molto più che difficile. Questa angoscia generazionale sembra essere causata dall’aumento della tecnologia, dall’educazione genitoriale, dall’istruzione, ma soprattutto dalla condizione di lusso di troppa scelta.

I ricercatori di Mindlab International hanno cercato di capire quale sia la musica che indurebbe al più alto stato di rilassamento e per farlo, hanno fatto ascoltare una serie di brani ai partecipanti, misurando la loro attività cerebrale, la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna e il tasso di respirazione.
Questo esperimento ha portato ad una riduzione del 65 per cento dell’ansia complessiva dei partecipanti e una riduzione del 35 per cento dei normali tassi di riposo fisiologici.

Creato dalla Marconi Union, i musicisti hanno collaborato con terapisti per organizzare con cura accordi di armonia, ritmi e linee di basso, che a sua volta rallentano la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna dell’ascoltatore, riducendo altresì gli ormoni dello stress come il cortisolo. Alcuni partecipanti hanno mostrato anche evidenti segni di sonnolenza durante l’ascolto.

Ed ora buon ascolto e buon relax.

 

 

Facebookgoogle_plusmail
04Dic 2019
disorientamento spazio tempo e vagabondaggio

Doppio appuntamento presso le nostre agenzie a dicembre con i nostri utenti. Il 10 dicembre a Torino ed il 16 dicembre a Ciriè parleremo dei problemi legati al disorientamento spazio temporale ed al vagabondaggio che si riscontrano spesso nei pazienti affetti da demenza. L’assistenza di un familiare affetto da una malattia neurodegenerativa, come la Demenza […]

25Nov 2019
Alzheimer, familiari dramma solitudine

«Non c’è soltanto il dolore di vedere una persona cara disgregarsi a poco a poco, c’è l’angoscia di sapere che a questo declino e a tale sofferenza non c’è scampo». Giovanni Frisoni è responsabile del Centro della memoria all’Ospedale Universitario di Ginevra e non ha dubbi: «È chi assiste un malato di demenza ad aver bisogno di sostegno, […]

21Nov 2019
Ospedale Mauriziano

A 73 anni cade in casa procurandosi la rottura del femore ma non sa che questo avvenimento negativo le salverà la vita! E’ accaduto ieri ad una anziana signora di Torino. Il suo femore ha ceduto ma questo le ha salvato la vita. Infatti, arrivata in ospedale, oltre a prenderla in carico per la rottura […]

03Ott 2019
Progetto Assistenza Ciriè

Oggi sul Risveglio di Ciriè si parla di Progetto Assistenza, l’agenzia di assistenza alla persona che offre un aiuto concreto alle famiglie. Si parla di assistenza e di riabilitazione neurocognitiva per i pazienti con Alzheimer e altri tipi di demenza. Presso le nostre agenzie di Torino e di Ciriè ci occupiamo di assistenza con il […]

26Lug 2019
come prevenire le piaghe da decubito

Le piaghe da decubito sono delle lesioni della cute che interessano le persone che sono costrette all’immobilità. Quando stiamo per troppo tempo fermi, da seduti o da sdraiati, la nostra pelle va in sofferenza perché subisce una pressione continuativa che causa una riduzione della circolazione. Cosa si può fare per evitarlo? La pressione non deve durare […]

20Mag 2019
Deterioramento cognitivo e attività da proporre a casa

    I pazienti affetti da deterioramento cognitivo possono essere molto aiutati dalle cosiddette “Terapie non farmacologiche”. Tra queste, un ruolo importante è ricoperto dalla stimolazione cognitiva.  Se il paziente vive a casa propria, è possibile proporre lo svolgimento di semplici attività che lo stimolino e lo motivino. Si può, per esempio, proporre di svolgere insieme: […]