Facebook

CHE COS’E’ IL TRUST

Le misure di sicurezza e tutela delle persone deboli sono molteplici, come ad esempio l’interdizione e l’amministrazione di sostegno, ma esiste una forma di garanzia che è ancora poco conosciuta, ovvero il processo di Trust. L’obiettivo di questo nostro articolo è quello di raccontare nella maniera più chiara possibile in che cosa consiste.

Il trust è uno strumento giuridico che entra in vigore per il bene di uno o più beneficiari attraverso la creazione di un legame fiduciario con uno scopo ben preciso. Difatti il trust si può definire come un fenomeno gestorio, dove il disponente andrà a stabilire un programma che verrà affidato a un soggetto esterno.

TRUST

Per istituire un trust è necessario realizzare un atto scritto che contenga:

  • Dati generali dei beneficiari
  • Eventuali retribuzioni
  • Durata del trust
  • Modalità di nomina e poteri del guardiano
  • Totale dei beni che sono affidati al trust

Questa modalità di protezione viene richiesta al fine di garantire al vostro caro, con problematiche di disabilità, la gestione del patrimonio in maniera da garantirgli una assistenza continua.

L’effetto del trust andrà ad incidere sulla piena separazione della sfera giuridica da quella privata/fisica del disponente del patrimonio conferito nel trust, permettendo in questo modo al trustee di agire come meglio crede con l’obiettivo di gestire al meglio il patrimonio.

Esistono moltissimi utilizzi del trust, per questo in ambito giuridico viene anche definito come un “negozio giuridico” dove tra gli usi più frequenti è possibile trovare:

  • Protezione dei beni
  • Riservatezza: in quanto il trust può essere un buono strumento di controllo di enti e società
  • Tutela dei minori: uso limitato dei beni fino alla maggiore età
  • Tutela dei soggetti diversamente abili: dove le persone possono godere dei propri beni ma senza esserne proprietari

Come descritto prima, il trust è un atto giuridico ed è per questo motivo che si vengono a creare quelli che sono definiti rapporti giuridici. Questi rapporti possono crearsi tra:

  • Soggetto che istituisce il trust, definito anche settlor;
  • Soggetto che andrà ad amministrare e gestire i beni del trust, quest’ultimo prende il nome di trustee;
  • Infine, il soggetto beneficiario del trust.

 SETTLOR

È il soggetto che istituisce il trust, anche soprannominato disponente, che, tramite una dichiarazione di volontà o attraverso il testamento, affiderà al trustee il diritto amministrativo di gestire i suoi beni.

 

TRUSTEE

Il trustee diventa il proprietario dei beni del settlor, a seguito di una donazione oppure a seguito degli effetti di un testamento.  Nell’occuparsi dei beni del beneficiario del trust, il trustee deve agire sempre in buona fede e con prudenza. Il trustee esercita autonomamente la propria attività, rispettando gli obblighi iniziali che sono stati descritti all’interno dell’atto costitutivo del trust. Esso, infatti, non deve preoccuparsi di chiedere il permesso per gestire il patrimonio a persone terze, come ad esempio un giudice.

Le azioni del trustee sono però continuamente controllate da un protector, ovvero un “guardiano”, corrispondente ad una persona fisica che ha il compito di garantire la correttezza delle attività svolte dal trustee.

Il trustee può essere sia una persona fisica, come un professionista di propria fiducia, sia una persona giuridica, come ad esempio un fondo pensione.

I beni, di cui il trustee si deve prendere cura, possono essere amministrati in due tempistiche differenti:

  • Per sempre e quindi si parla di trust irrevocabile
  • Per un tempo limitato e di conseguenza si parla di trust revocabile

 

Chi sono i beneficiari del trust?

Il beneficiario è colui che fa amministrate i propri beni attraverso il trust. A seconda dell’obiettivo da raggiungere i beneficiari possono corrispondere a due tipologie differenti:

  • Di reddito: coloro che godono dei frutti generati dalla gestione dei beni, come ad esempio interessi attivi o rendite finanziarie
  • Di capitale: coloro che godono del patrimonio nello stesso modo in cui è stato consegnato al fiduciario

 

Se hai bisogno di ulteriori informazioni sulla procedura del trust  puoi contattarci  ai numeri   0117930904 e 3200374417 oppure per mail gaialucia@progetto-assistenza.it  per chiedere una consulenza gratuita da parte del nostro avvocato esperto in diritti del malato e del disabile. 

 

 

Facebookmail