Facebookgoogle_plus

Un adulto con più di 65 anni dovrebbe praticare con costanza attività fisica. Il nostro corso di Ginnastica Dolce ti aiuta a prevenire gli squilibri e i dolori.
Vi proponiamo questo articolo in cui è spiegato molto bene perchè è necessario praticare attività fisica e quali sono i vantaggi in termini di riduzione del rischio di patologie.

“La pratica regolare di attività fisica ed un corretto regime alimentare sono gli unici compartimenti in grado di limitare lo sviluppo e la progressione di patologie croniche e di incrementare l’aspettativa di vita. 

Un adulto di età ≥ 65 anni dovrebbe praticare due tipi di attività fisica, durante la settimana, per ottenere vantaggi sostanziali sul proprio stato di salute:

  1. una per aumentare la capacità aerobica e
  2. una per rafforzare la capacità muscolare.

Se è affetto da una malattia cronica o se presenta altre condizioni che possano limitare la sua attività deve concordare con il suo medico di fiducia gli obiettivi e i limiti della sua attività fisica. Dovrebbe comunque evitare uno stile di vita inattivo ed aumentare in modo graduale la quantità di attività fisica praticata.

[…..]

QUALI VANTAGGI SI OTTENGONO DALLO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ FISICA REGOLARE?

  • Riduzione del peso corporeo, in particolare se associata a dieta ipocalorica, quindi miglioramento della composizione corporea e del metabolismo.
  • Miglioramento della funzionalità cardiologica e polmonare
  • Miglioramento della funzionalità muscolare
  • Miglioramento della densità ossea
  • Miglioramento dell’equilibrio e quindi prevenzione delle cadute

(N.B. la pratica regolare di attività fisica diminuisce il rischio di cadute negli anziani. In particolare gli anziani a rischio di cadute dovrebbero praticare esercizi per mantenere o migliorare il proprio equilibrio almeno 3 giorni a settimana; ad esempio camminare all’indietro, camminare di lato, camminare sulle punte, camminare sui talloni, alzarsi in piedi da seduti, tai-chi)

Minor rischio di: ipertensione, ipercolesterolemia, ipertrigliceridemia, diabete tipo II, sindrome metabolica, osteoporosi, artrosi sintomatica, morte prematura, infarto ed altre patologie coronariche, ictus, cancro al colon, cancro alla mammella, depressione, demenza, fratture del collo del femore, del polso della spalla…”

Fonte www.medicitalia.it
http://www.medicitalia.it/minforma/ortopedia/2108-attivita-fisica-anziani.html?refresh_ce

Facebookgoogle_plusmail