Facebookgoogle_plus

L’Autismo è un modo di essere. Non è possibile separare la persona dall’autismo.

“L’autismo non è qualcosa che una persona ha, o una bolla dentro cui un individuo è intrappolato. Non esiste nessun bambino normale nascosto dietro l’autismo. Autismo è un modo di essere. E’ pervasivo; colora ogni esperienza, ogni sensazione, percezione, pensiero, emozione ed incontro, ogni aspetto dell´esistenza. Non è possibile separare l’autismo dalla persona -e se fosse possibile, quella persona non avrebbe nulla a che spartire con quella da cui siete partiti.”articlo-autismo

Jim Sinclair, attivista autistico per i diritti delle persone autistiche e fondatore de l’ Autism Network International, (insieme a Kathy Lissner Grant e Donna Williams), con una profonda riflessione, cerca di spiegare che è il dolore che un genitore percepisce per la scoperta dell’autismo del proprio figlio a creare lo stress ed l’angoscia più grande, non la condizione del bambino stesso.

Questo dolore deviva dalla realizzazione della perdita del bambino “normale” che i genitori avrebbero voluto avere. Ovvio, una certa quantità di dolore è giustificato e normale, ma questo non deve allontanare i genitori dalla percezione del loro bambino: un bambino autistico necessità del supporto degli adulti e può relazionarsi perfettamente con chi gliene dà la possibilità.

Con i bambini autistici certo serve un lavoro più profondo per creare una comunicazione profonda e diversa da quella che siamo abituata ad usare invece con i bambini “normali”. E’ necessario imparare a tornare alle basi, a ciò che non avevi considerato prima, come una traduzione che deve essere compresa. E non meno importante bisogna mettersi nella condizione di voler imparare dal linguaggio del proprio figlio, di entrare nel suo mondo.

Non bisogna aspettarsi come risultato la nascita di un normale rapporto genitore-figlio. Un bambino autistico potrà avere bisogno di assistenza tutta la vita, quindi ci si deve avvicinare con rispetto, senza preconcetti, aperti a conoscere nuove cose.
Si può scoprire un mondo che nessuno può immaginare.

Fonte: https://bit.ly/2NqIkOM

 

Facebookgoogle_plusmail