Facebook

Visite mediche: controlli periodici!

I sessantenni di oggi sono, in generale, più attivi, in forma e pieni di energia, rispetto alle persone di qualche anno fa. Tuttavia, anche se la vita delle persone è cambiata l’età continua ad avanzare e con essa si presentano anche una serie di acciacchi, che diventano sempre più frequenti.
Di conseguenza, per continuare a condurre una vita appagante, è  necessario seguire un’alimentazione corretta, ma anche, dedicare un po’ di tempo a controlli medici periodici, importanti per la salute della persona.Grazie ai diversi check up di prevenzione sarà possibile ottenere diagnosi precoci per eventuali malattie o condizioni legate all’avanzare dell’età.

Cos’è un check-up?

Con il termine check-up si intendendo tutti gli esami diagnostici, eseguiti su indicazione del medico di base, volti ad individuare precocemente eventuali patologie, valutando in questo modo lo stato di salute della persona. Nel dettaglio, gli obiettivi sono:

  • Individuazione di fattori di rischio 
  • Diagnosi precoce di patologie
  • Prevenzione di disturbi tipici della vecchiaia 

A quali esami sottoporsi?

Le  malattie che possono colpire le persone over 60 sono diverse,come ad esempio la perdita di udito o della vista oppure l’aumento dei problemi di articolazioni. Di conseguenza gli esami a cui si dovrebbero sottoporre, sia gli uomini sia le donne, sono:

  •  Emocromo: per calcolare il numero di cellule corpuscolate all’interno del sangue. Questo esame sarà in grado di fornire indicazioni sul benessere generale del paziente.  
  • Misurazione della pressione arteriosa: che permette di rilevare possibili anomalie come la pre-pertensione e l’ipertensione.
  •  Elettrocardiogramma e visita cardiologica: per monitorare la salute del cuore.
  •  Trigliceridemia e colesterolemia: utilizzati per misurare il livello di trigliceridi e colesterolo nel sangue, fondamentali per individuare il rischio di malattie cardiovascolari come infarto, ictus, coronaropatia e arteriosclerosi.  
  •  Glicemia: serve per controllare il livello di glucosio nel sangue che permette di individuare l’inizio di un eventuale diabete mellito.
  •  Azotemia, creatininemia e uricemia: per calcolare livelli di azoto, creatinina e acido urico nel sangue, che possono indicare eventuali rischi per eventuali patologie renali.
  •  Esame delle urine: per indicare lo stato di salute dell’apparato urinario e  lo stato di benessere generale del paziente.
  •  Visita reumatologica e MOC (mineralometria ossea computerizzata), per stabilire lo stato di salute delle ossa e individuare una possibile predisposizione all’osteoporosi.
  •  Transaminasi ed enzima gamma GT, per valutare la funzionalità epatica.
  • Visita oculistica, per individuare soprattutto presbiopia, cataratta e degenerazione maculare senile.
  • Visita audiometrica, indicata per stabilire se è necessario un apparecchio acustico.

Tutti gli esami elencati devono essere effettuati a cadenza regolare. Inoltre, per le donne è necessario sottoporsi a visite senologiche ed a mammografie per individuare precocemente eventuali anomalie. Queste ultime visite devono essere svolte una volta ogni due anni fino ai 69 anni e una volta all’anno dopo i 70.                                                    Invece, per quanto riguarda l’uomo è consigliabile, in  aggiunta alle altre, anche una visita urologica. Ovviamente, dovrà essere sempre il medico curante ad indicare quali siano gli esami a cui il paziente deve sottoporsi. Questi possono variare da persona a persona, dal suo stato di salute e dalla presenza o meno di patologie pregresse.
Se è vero, dunque, che è importante prendersi cura della propria salute ad ogni età, è anche vero che, passati i 60 anni, per rallentare gli effetti del tempo sul corpo e sullo spirito è fondamentale occuparsi di se stessi affrontando di conseguenza gli esami periodici! 

Facebookmail